Alberghi Tipici Riminesi - gli hotel della tradizione riminese

Longiano




 

 bandiera arancione

 

 

 

longiano tranquillo borgo sulle colline romagnoleLongiano è un tranquillo borgo sulle colline romagnole, dominato da un castello, il suo fiore all'occhiello è il suo teatro.
Nel 2005 il Comune viene insignito dal Touring Club della bandiera arancione, ambito premio riservato ai borghi e ai Comuni che si distinguono per la qualità del vivere, dell’accoglienza e dell’offerta culturale.

Per la peculiare e strategica posizione, a metà strada tra Rimini e Cesena, Longiano fu contesa dai signori locali di entrambe le città. Legatasi a Rimini, venne distrutta una prima volta dai Cesenati nel 1198 e, successivamente, nel 1297. Le mura vennero rinforzate in seguito al secondo rovinoso assalto e oggi, nelle maglie concentriche delle fortificazioni del castello, si possono individuare i segni delle ricostruzioni. Conquistata dai Malatesta, ebbe come primo signore Gianciotto, tristemente noto come marito e assassino di Francesca da Rimini e del proprio fratello Paolo “il Bello”.
Longiano diede asilo ad uno dei più importanti personaggi di questa dinastia di bellicosi ma anche illuminati  signori: Carlo Malatesta, che morì nel castello longianese nel 1429. Il Papato concesse poi la cittadina in feudo perpetuo ai Rangoni di Modena: in una lapide del castello è ancora leggibile il nome del nobile casato.

Nel Cinquecento venne assoggettata al potere diretto della Chiesa, sotto il cui dominio rimase, con le brevi parentesi della conquista veneziana e di quella napoleonica,  fino all’Unità d’Italia.
Tra Settecento e Ottocento il paese venne abbellito con chiese e palazzi e, nel 1870, con l’inaugurazione del delizioso Teatro Petrella. Gli anni della Seconda Guerra Mondiale hanno inferto gravissimi danni a Longiano, distruggendo una buona parte del borgo, successivamente ricostruito. Di questo triste periodo restano tracce nel rifugio bellico anti-aereo che attraversa ancora oggi la collina, proprio sotto il castello.

Nel 1986 è stato riaperto il Teatro Petrella, dopo anni di abbandono, sono state ristrutturate le chiese del borgo e l’ex convento dei Gerolomini, che è oggi sede di importanti istituzioni culturali.


 

Non fare il patacca, richiedi un preventivo gratuito
Fare una richiesta gratuita non ha svantaggi, anzi prova e vedrai!

autorizzo al trattamento dei dati personali, secondo il D. Lgs. 196/03 sulla privacy

Ti piacerebbe fare 2 chiacchiere con uno di noi?


Chiama uno dei nostri hotel e fagli tutte le domande che vuoi!
Oggi è disponibile per te, con il suo accento romagnolo:
la Fam. Casadei - hotel TRIO D'ORO di Rivazzurra Rimini

+39 0541.372224