Alberghi Tipici Riminesi - gli hotel della tradizione riminese

Tonino Guerra




Lo sapevi che...

La personalità creativa  di Tonino Guerra fa di lui un artista a tutto tondo.

La vita.

Nato a Santarcangelo di Romagna il 16 Marzo del 1920 da un'umile famiglia contandina, Tonino conosce gli orrori della seconda guerra mondiale e soprattutto del campo di concentramento di Troisdorf in Germania dove inizia a comporre una parte delle sue poesie in lingua romagnola. Liberato e tornato nella sua terra d'origine Tonino inizia a fare il professore ma come lui stesso rivela era un professore un po’ fuori dalle righe, bizzarro che ai ragazzi dava sempre lo stesso tema “Ieri sera a cena” con l’intenzione di stimolare la loro fantasia.

Nel '46 pubblica da sé la sua prima raccolta di poesie “i scarabocc” con prefazione di Carlo Bo a cui ne seguono poi altre, tra cui “i bu” che fa della poesia dialettale qualcosa di nuovo, qualcosa di estremamente dignitoso al pari della poesia in lingua italiana.

A metà degli anni ’50 inizia accanto a quella di poeta l’attività di sceneggiatore, si trasferisce a Roma e lavora con i più grandi registi del nostro tempo, De Sica, Damiani, Monicelli, Lattuada, i fratelli Taviani, Bellocchio, Rosi, Antonioni, Tarkvoskij e altri. Ma la collaborazione di maggior successo fu quella con il regista, ma prima di tutto amico, Federico Fellini  per cui scrisse la sceneggiatura di “Amarcord”, vincitore dell’Oscar nel ’73 e successivamente “E la nave va”, “Ginger e Fred”, “Prova d’orchestra” e “Casanova”.

Nel corso della sua vita si dedica poi alla pittura, alla scultura e all’ideazione artistica realizzando allestimenti, installazioni, mostre, parchi, fontane, esprimendo così tutta la sua creatività e genialità.

Una persona vitale, sempre attiva fino ai suoi ultimi giorni di vita, Tonino infatti muore all’età di 92 anni, il 21 Marzo del 2012.

I Luoghi di Tonino Guerra e l’arte della Bellezza.

Santarcangelo di Romagna, piccolo borgo dell’entroterra romagnolo è la sua città natale, che lo ha accompagnato fino all’ultimo respiro, è qui, infatti, che il 21 Marzo Tonino ha deciso di lasciarci.

Un luogo della città, permeato dalla sua poesia e dalla sua creatività, dove si può respirare il suo genio, è il rinomato ristorante “La Sangiovesa”, versione moderna dell' Osteria tradizionale Romagnola, che conserva, alcune delle sue opere. Tonino ha curato il suo arredo creandone personalmente alcuni pezzi, parte del mobilio e rappresentazioni grafiche, infatti, sono opera del poeta. Ma in tutta la città sono diffusi allestimenti curati da lui stesso e definiti i “I Luoghi dell’anima”.

"La bellezza" è il tema attorno al quale Tonino vive e concentra tutta la sua arte ed è quella che si può ammirare a Pennabilli, una seconda patria tanto amata e fonte di ispirazione.

“La casa dei Mandorli in Fiore”, il museo diffuso “I Luoghi dell’Anima”, il museo “Il Mondo di Tonino Guerra” che conserva dipinti, ceramiche, "mobilacci" e tante altre opere dell'artista, hanno fatto di questa città un luogo carico di suggestioni, che lascia senza fiato per la sua singolare bellezza e unicità.

 

Visita l’intero Mondo di Tonino Guerra  www.toninoguerra.org

 


 

Non fare il patacca, richiedi un preventivo gratuito
Fare una richiesta gratuita non ha svantaggi, anzi prova e vedrai!

autorizzo al trattamento dei dati personali, secondo il D. Lgs. 196/03 sulla privacy

Ti piacerebbe fare 2 chiacchiere con uno di noi?


Chiama uno dei nostri hotel e fagli tutte le domande che vuoi!
Oggi è disponibile per te, con il suo accento romagnolo:
la Fam. Montebelli - hotel TRES JOLIE di RIVAZZURRA Rimini

+39 0541 372680